20 settembre 2010

Soccorsi speciali

OPSA – Operatori Polivalenti Salvataggio in acqua

L’Operatore Polivalente di Salvataggio in Acqua (denominato in breve appunto O.P.S.A.) è una figura appartenente alla componente volontaristica della Croce Rossa Italiana con una solida preparazione di base sul soccorso sanitario sia a terra che in acqua.

Questa attività a livello sperimentale, nacque circa un decennio fa in Sardegna ma solo negli anni successivi ha visto la sua definizione con l’odierna conformazione.

Allo stato attuale, la squadra locale è attiva:

  • nell’assistenza a gare sportive acquatiche di ogni tipo,
  • assistenza alla balneazione in mare, acque interne e confinate,
  • protezione civile per calamità naturali o incidenti,
  • trasporto infermi in acqua
  • organizzazione corsi DPI in Ambiente Acquatico per la cittadinanza.

Tra le attrezzature a disposizione per il servizio attualmente abbiamo:

  • una struttura di Postazione Medico Avanzata,
  • un gommone con toboga e motore fuoribordo 40-60 cv
  • equipaggiamento del personale con DPI specifici per l’intervento in ambiente acquatico

Alla data del 1° settembre 1999 i brevettati OPSA hanno raggiunto e superato le 2.000 unità, questo dimostra il grande interesse che ha riscontrato nella nostra Associazione questa nuova specialità. I nostri interventi operativi coprono un largo spettro di azione: assistenza ai bagnanti sulle spiagge e le acque interne, assistenza alle gare sportive acquatiche di ogni tipo, interventi di elisoccorso, protezione civile per calamità naturali o incidenti, interventi subacquei, emergenze dove è necessaria una camera iperbarica, assistenza in acqua ai portatori di handicap, trasporto infermi in acqua, prevenzione.

Diventa volontario O.P.S.A. anche tu!

Per accedere ai corsi O.P.S.A. è obbligatorio essere iscritti alla Croce Rossa Italiana, frequentare attivamente l’Associazione e – cosa fondamentale – essere in perfette condizioni fisiche, avere buone capacità natatorie e di acquaticità.

Una prima selezione sarà basata principalmente su prove di nuoto ed una volta superate queste, si avvia un percorso formativo vero e proprio, che in genere dura dai 3 ai 4 mesi, a seconda del livello di preparazione degli allievi.

A fine corso viene sostenuto un esame, a seguito del quale tutti i promossi ricevono il brevetto “O.P.S.A. Operatore di base” riconosciuto anche dal Ministero dei Trasporti e della Navigazione ora Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con circolare n° 54 Serie I del 09/01/1997.

Gli O.P.S.A., una volta conseguito il brevetto “Operatore di Base”, possono accedere, così come riportato nel Regolamento che norma l’attività, alle seguenti specializzazioni: conduttori di mezzi nautici, sommozzatori, elisoccorritori, acque Vive, soccorso alluvionale e tecnici iperbarici.

Gli O.P.S.A. sono attivi nel Comitato Provinciale CRI di Ferrara. Per qualsiasi informazione, contattaci

Unità Cinofile CRIUnità Cinofile

Molte razze canine sono diventate specializzate in diversi campi: cani da pastore, cani da guardia, cani da difesa, cani da caccia, cani da compagnia.Ma non finisce qui, ci sono cani che, con appropriati corsi di specializzazione, possono diventare ottimi cani da salvataggio. Abbiamo così cani per la conduzione di non vedenti, cani da salvataggio in mare, cani da valanga, cani per la ricerca e per l’individuazione di persone.
Sempre più spesso si vedono immagini in TV di cani specializzati nella ricerca di persone ancora vive sopravvissute ad un terremoto o ad un crollo. Sono preziosi, precisi, insostituibili.Il loro posto può essere preso esclusivamente da sofisticati e costosi macchinari tecnologici. Sfruttiamo la loro maggiore sensibilità in cambio dell’amore e del rispetto che riusciamo ad offrire loro.Non chiedono molto ma sono disposti a rischiare la loro vita per salvarci, meritano molto più di quanto riusciamo ad offrire loro.
Le unità Cinofile  sono attive nel Comitato Provinciale CRI di Ferrara. Per qualsiasi informazione consulta la pagina dedicata alle Unità cinofile. 

Soccorso con Mezzi e Tecniche SpecialiSoccorso con Mezzi e Tecniche Speciali (SMTS)

I Volontari specializzati in Soccorsi con Mezzi e Tecniche Speciali sono addestrati a prestare la loro opera in situazioni dove è possibile agire solo con l’ausilio di adeguata attrezzatura e preparazione, in particolare in condizioni ambientali e/o contingenti (calamità o catastrofi) che esigono l’adozione di particolari procedure di intervento. La Croce Rossa Italiana – si precisa, tuttavia – non vuole invadere l’ambito delle specifiche competenze di soggetti come C.N.S.A.S. / S.A.G.F. / S.A.F. e tanto meno sostituirli. La ragione che giustifica l’esistenza di questa specializzazione all’interno delle attività della C.R.I. è l’esigenza di fornire ai Volontari gli strumenti indispensabili a svolgere i propri compiti istituzionali in situazioni ambientali critiche e di fronte a grossi limiti operativi secondo moderni standard di autoprotezione: la sicurezza degli operatori sta sopra di tutto.

I Soccorsi con Mezzi e Tecniche speciali  sono attivi nel Comitato Provinciale CRI di Ferrara. Per qualsiasi informazione, contattaci

Fonte: http://www.cri.it

Print Friendly, PDF & Email